Metodo Classico

Questo metodo richiede  nella maggior parte delle denominazioni (Champagne, Crémant, Franciacorta, Alta Langa) una vendemmia manuale e una pigiatura da effettuarsi entro poche ore dalla raccolta, per evitare lo schiacciamento degli acini e l’ossidazione dei succhi.

Dopo la fermentazione alcolica e talvolta anche malolattica si assemblano i vini: è proprio in questa fase che si rivela la preziosa arte aziendale di unire diverse annate, diverse varietà e diversi cru, al fine di creare la base perfetta per la seconda fermentazione.

La presa di spuma avviene esclusivamente in bottiglia.

Questo metodo è caratterizzato dall’invecchiamento. Il vino riposerà sulle proprie fecce fini all’interno di bottiglie coricate (su listelli) e accatastate in cantine fresche. A seconda della denominazione, questa fase di affinamento durerà da 9 mesi a diversi decenni.

Il remuage, su pupitre  (cavalletti) o un sistema automatizzato come il Gyropalette © consentirà di concentrare il deposito di lieviti morti nel collo della bottiglia.

La sboccatura e il dosaggio sono le ultime operazioni di questo metodo stappati all’espulsione Dopo aver espulso il deposito, verrà aggiunto del vino più o meno dolce. Al vino viene aggiunto del liquore di spedizione o liquore di dosaggio che darà le diverse qualità del dosaggio (Pas dosé, Extra Brut, Extra Dry, Sec, Demi sec e Dolce).

La gamma Classico

+

Filiera tecnologica Metodo Classico

della STATION OENOTECHNIQUE DE CHAMPAGNE®

La gamma Classico